Pagina di benvenuto Associazione
Interlocutore  Ivo Zimmermann Ivo Zimmermann
Responsabile del settore «comunicazione»
+41 44 384 48 50 +41 44 384 48 50i.zimmermannnoSpam@swissmem.ch
Pubblicazioni

Statuti Swissmem (in francese)

Statuti Swissmem (in tedesco)

Statuti ASM (in francese)

Statuti ASM (in tedesco)

Condividere

L’associazione dell’industria metalmeccanica ed elettrica

Swissmem è l'associazione leader per le PMI e le grandi aziende dell'industria metalmeccanica ed elettrica svizzera (MEM) e dei relativi settori tecnologici.

L'Associazione

Swissmem promuove la competitività nazionale e internazionale delle sue circa 1.100 aziende associate, fornendo servizi su misura per le loro esigenze. Comprendono una consulenza professionale nell’ambito del diritto del lavoro, del diritto commerciale e contrattuale, del diritto ambientale, dell'efficienza energetica, nonché del trasferimento di conoscenze e tecnologie. Swissmem offre inoltre opportunità di formazione e perfezionamento professionale per i collaboratori del settore, in linea con i bisogni del mercato del lavoro. Swissmem gestisce reti forti. In 27 gruppi professionali, in diversi gruppi per lo scambio di esperienze e in commissioni di esperti, le aziende associate si scambiano questioni tecniche o lavorano a progetti comuni. La Cassa di compensazione a basso costo completa la vasta gamma di servizi offerti da Swissmem.

Swissmem si impegna in modo socialmente responsabile a favore della concorrenza e della libertà imprenditoriale. Grazie al suo ampio know-how settoriale, Swissmem si impegna a fornire alla politica, all'amministrazione e all'opinione pubblica le migliori condizioni quadro in politica economica nonché a favore di un mercato del lavoro liberale. Swissmem è inoltre impegnata in un partenariato sociale costruttivo. In qualità di rappresentante dei datori di lavoro, l'associazione negozia con le parti sociali il contratto collettivo di lavoro (CLA) per il settore MEM.

Swissmem è nata dalla fusione delle associazioni ASM (Arbeitgeberverband der Schweizer Maschinenindustrie) e VSM (Verband Schweizer Maschinenindustrieller) e può vantare una storia che dura da oltre 130 anni. Il presidente di Swissmem è Hans Hess.

Il Direttore

Stefan Brupbacher ha studiato diritto all’Università di Zurigo, dove ha ottenuto il dottorato. Ha inoltre conseguito un Executive Master in Diritto internazionale e commerciale europeo presso l'Università di San Gallo, nonché un Master in Relazioni internazionali con specializzazione in economia internazionale presso la Johns Hopkins University (SAIS) di Bologna e Washington DC.

Da metà 2014 è stato Segretario generale del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR). Precedentemente, dal 2008 il signor Brupbacher è stato Segretario generale del PLR svizzero. In ruoli precedenti, ha raccolto ricche esperienze professionali, tra le altre, quale capo della Segreteria delle Commissioni dell’economia e dei tributi (CET) del Consiglio nazionale e degli Stati, nonché vice-capo degli Affari internazionali del lavoro presso la SECO.

Il Dott. Stefan Brupbacher ha assunto la carica di direttore di Swissmem all'inizio di gennaio 2019.

 

La Direzione

To top

La Storia dell'associazione

La storia della Swissmem inizia nel 1883 con la fondazione del Verein Schweizerischer Maschinen-Industrieller (VSM). Nel 1905 ne è poi sorto anche l’Arbeitgeberverband der Schweizer Maschinenindustrie (ASM). Nel 1999 le due associazioni appaiono sotto il marchio Swissmem.

«Tutela e promozione degli interessi generali dell'industria metalmeccanica svizzera». Fu questo l’obiettivo che si era posto il  Verein Schweizerischer Maschinen-Industrieller (VSM) al momento della sua fondazione nell’anno 1883. E questo obiettivo è attuale ancora oggi.

All’inizio del 20. secolo in Svizzera aumentarono le tensioni sociali. È per questo che nel 1905, dalle fila del VSM, i datori di lavoro dell’industria delle macchine hanno creato l’Arbeitgeberverband der Schweizer Maschinenindustrie (ASM). Questo aveva lo scopo di salvaguardare i loro interessi nel campo della politica sociale.

A causa della crisi economica globale, negli anni '30 il Consiglio federale voleva fungere da arbitro in controversie salariali collettive a livello nazionale. L’ASM ed i sindacati si sono però opposti a questa ingerenza dello Stato. Cercarono una soluzione, grazie alla quale poter soddisfare la domanda di pace sociale nel rispetto dell'autonomia della contrattazione collettiva. Ne è scaturito l'"Accordo nell'industria meccanica" (VMI). Ha fornito un meccanismo per la risoluzione delle controversie tra le parti sociali e quindi per la pace del lavoro. Di conseguenza, il VMI – risp. il Contratto Collettivo di Lavoro (CCL) dell’industria MEM - è stato regolarmente rinnovato e ampliato nei suoi contenuti.

Dal mese di luglio del 1999, le associazioni ASM/VSM hanno una direzione comune, pur mantenendo la propria indipendenza giuridica. Dal 1. ottobre 1999 agiscono sotto il marchio Swissmem. Nel corso del mese di settembre 2006, i membri di ASM e VSM hanno approvato un’ulteriore integrazione.  Il 1.1.2007, il VSM ha cambiato il proprio nome in Swissmem e ha ripreso le attività svolte fino ad allora dall'ASM. Tuttavia, l'ASM continuerà ad esistere quale gestore del CCL dell'industria MEM.

 

To top

Ultimo aggiornamento: 29.08.2019