Pagina di benvenuto Attualità Industria MEM: Forte cedimento a partire da aprile 2020
Interlocutore  Ivo Zimmermann Ivo Zimmermann
Responsabile del settore «comunicazione»
+41 44 384 48 50 +41 44 384 48 50 i.zimmermannnoSpam@swissmem.ch
Condividere

Industria MEM: Forte cedimento a partire da aprile 2020

Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, durante il primo trimestre 2020 le commesse per l’industria metalmeccanica ed elettrica svizzera hanno registrato una contrazione di -2,0 percento, il fatturato di -5,7 percento, mentre le esportazioni di -8,7 percento. Queste cifre non rispecchiano però la situazione attuale dell’industria MEM, bensì quella precedente al Lockdown dovuto al Coronavirus. Gli effetti negativi della pandemia colpiranno il settore MEM solo nel secondo e terzo trimestre 2020. Gli annullamenti di ordini, l’Indice dei direttori agli acquisti (PMI) storicamente basso a livello mondiale e aspettative delle imprenditrici e degli imprenditori significativamente peggiorate fanno temere un cedimento massiccio. È importante che la Confederazione abbia allentato le disposizioni relative agli spostamenti dei cittadini dei Paesi UE/AELS con effetto all’11 maggio 2020. Le stesso deve avvenire ora in tempi brevi anche per i Paesi terzi. Inoltre, è necessario che sia esteso il termine per la richiesta di prestiti ponte e aumentata la durata del diritto al lavoro ridotto e promossa l'innovazione.

Entrata ordini industria MEM (Base: 1° trim. 2001 = 100)

Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, nel primo trimestre del 2020 hanno registrato un calo sia le commesse (-2,0%) che il fatturato (-5,7%). Questo significa che il trend negativo, già iniziato a metà del 2018, è proseguito anche all’inizio di quest'anno. Le cause sono da ricercare nella debolezza della congiuntura nei mercati MEM e nell'ulteriore apprezzamento del franco svizzero rispetto all'euro. Di conseguenza è basso l'utilizzo della capacità produttiva nelle aziende. Secondo il KOF, nel primo trimestre ha raggiunto l'83,6 percento, un valore inferiore alla media sul lungo termine dell'86,4 percento. In aprile l'utilizzo della capacità produttiva è sceso all'80,9 percento - una prima conseguenza del Lockdown.

Calo delle esportazioni verso tutte le regioni di vendita

rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, nel primo trimestre del 2020 le esportazioni di beni dell'industria MEM sono diminuite di -8,4 percento, raggiungendo un valore di 15,8 miliardi di CHF. Questo calo delle esportazioni è dovuto principalmente al forte calo delle commesse dell'anno precedente. Sono anche riconoscibili le prime conseguenze dovute alla pandemia, legate al blocco dei mercati di vendita. Particolarmente marcato è il calo delle esportazioni verso l'UE (-10,4%). Sono però risultate in calo anche verso l’Asia (-7,0%) e gli Stati Uniti (-6,0%). L'andamento negativo delle esportazioni ha colpito tutte le categorie merceologiche. Nella fabbricazione di macchinari e apparecchiature, il calo delle esportazioni è stato di -12,1 percento, per i metalli di -8,8 percento, nel settore elettrotecnica / elettronica di -4,3 percento e per gli strumenti di precisione di -4,5 percento. 

Prospettive fosche per il secondo e terzo trimestre

I dati economici dell'industria MEM per il primo trimestre del 2020 mostrano la situazione precedente al Lockdown. Le conseguenze che ne derivano colpiranno appieno l'industria solo nel secondo e terzo trimestre del 2020. Gli attuali valori dell'Indice dei direttori agli acquisti (PMI) indicano un fortissimo cedimento nei principali mercati di vendita. Ad esempio, il PMI nella zona euro si è attestato a 49,2 nel febbraio 2020 ed è sceso a 33,4 in aprile (valori inferiori a 50 indicano una recessione). Anche i risultati dell'ultimo sondaggio Swissmem presso le aziende associate indicano una chiara tendenza negativa:

  • Le aspettative delle aziende MEM per i prossimi dodici mesi sono peggiorate drasticamente. Il 70 percento prevede un calo delle commesse dall'estero. Alla fine del 2019 erano solo il 28 percento.
  • Quasi la metà delle aziende MEM (48%) sta subendo cancellazioni di ordini legate alla pandemia. Questo fatturato mancherà nei prossimi mesi.
  • Le cancellazioni e gli ordini annullati hanno costretto l'80 percento delle aziende MEM a richiedere il lavoro a orario ridotto.   

Hans Hess, presidente di Swissmem, è molto preoccupato: "Per le aziende MEM, in aprile, la situazione è peggiorata notevolmente. Tutti i principali indicatori evidenziano un calo significativo delle vendite a partire dal secondo trimestre del 2020. Al momento non vi sono indicazioni su quando la situazione ricomincerà a migliorare". 

Le restrizioni negli spostamenti ostacolano fortemente il settore

La vendita di beni industriali è spesso un processo complesso. Gli incontri di vendita e di progetto, le dimostrazioni e i test sono essenziali. Lo stesso vale per l'accettazione della merce franco fabbrica, l'installazione presso l'azienda destinataria e i lavori di riparazione e assistenza. Per queste attività, gli specialisti interessati e anche i clienti devono poter viaggiare. Per il 67% delle aziende MEM, le attuali restrizioni per i viaggi sono uno dei tre principali problemi legati al Lockdown. Rendono estremamente difficile ottenere nuovi ordini, concludere quelli attuali e poterli fatturare.

È sollecitata anche la Politica

Per attenuare gli effetti negativi dell'epidemia del Coronavirus per l'industria MEM svizzera, sono necessari miglioramenti delle condizioni quadro. La Commissione delle Finanze del Consiglio degli Stati avrà l'opportunità di avviare questo processo già il 12 maggio 2020. Nel corso della riunione si discuterà dell'abolizione dei dazi doganali per l'industria. Per la sola industria MEM l'abolizione di questi dazi comporterebbe un risparmio annuo di circa 125 milioni di franchi e un notevole sgravio amministrativo. "L'abolizione dei dazi doganali per l'industria rappresenterebbe un effettivo miglioramento e un forte segnale di sostegno per l'industria in Svizzera", sottolinea Hans Hess. Swissmem chiede che, nel corso della sessione estiva, il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati approvino questa proposta del Consiglio federale, in modo che l'abolizione dei dazi doganali per l'industria possa entrare in vigore all'inizio del 2021.

Inoltre, per Swissmem stanno in primo piano le seguenti richieste con effetto sul breve termine:

  1. Allentamento delle restrizioni relative ai viaggi: Swissmem è lieta che la Confederazione abbia allentato le restrizioni all'ingresso per gli specialisti, i tecnici e i clienti dei Paesi dell'UE/AELS. Secondo le dichiarazioni della Consigliera federale Keller-Sutter nel corso della sessione straordinaria e della circolare della Segreteria di Stato della migrazione dell'8 maggio, i Cantoni possono ora trattare da subito anche le nuove notifiche e le domande di impiego sul breve termine o di entrata, che non possono essere procrastinate per motivi di interesse economico imperativo. Queste includono richieste per l'acquisizione di clienti, compresi i colloqui di vendita e l'accettazione di macchine da parte di specialisti, ecc.
    Da settimane, l'industria sta attuando con coerenza le regole emanate dall'UFSP. Il rischio per la salute è quindi basso. Tuttavia, attualmente sono grandi i problemi economici. Il settore si affida quindi alla generosa prassi cantonale. Un analogo allentamento deve essere attuato entro e non oltre l'8 giugno anche per i corrispondenti provenienti da Paesi terzi
  2. Il termine per la presentazione delle domande per un prestito ponte deve essere prorogato fino alla fine del 2020. Dato che le difficoltà di liquidità in molte aziende MEM si manifesteranno solo nel secondo e nel terzo trimestre, le aziende interessate devono avere la possibilità di presentare tali richieste di prestito anche dopo il 31 luglio 2020.
  3. Il periodo di diritto alle indennità per lavoro ridotto deve essere esteso a 18 mesi. A causa della debole situazione congiunturale nei mercati di riferimento, alcune aziende hanno dovuto introdurre il lavoro a orario ridotto già nel corso del 2019 e presto avranno esaurito il loro diritto, attualmente limitato a dodici mesi.
  4. Devono essere riprese le attività di ricerca presso le università. La collaborazione tra aziende, università e istituti di ricerca è essenziale per l'innovazione e quindi per la competitività della Svizzera nel medio e lungo termine.

Scaricare

Grafica per la stampa 'Entrata ordini industria MEM' 1 trim. 2020(61 KB, jpg)
Entrata ordini industria MEM (Base: 1° trim. 2001 = 100)

Per ulteriori informazioni contattare:

Ivo Zimmermann, Responsabile Comunicazione
Tel. +41 44 384 48 50 / Mobile +41 79 580 04 84
E-Mail i.zimmermannnoSpam@swissmem.ch

Philippe Cordonier, Responsabile Svizzera romanda
Tel. +41 21 613 35 85 / Mobile +41 79 644 46 77
E-Mail p.cordoniernoSpam@swissmem.ch