Sommario :: Swissmem - La piazza industriale e intellettuale svizzera

Politica economica

I corsi di cambio incidono notevolmente sulla concorrenzialità dei prezzi delle imprese sui mercati esteri. Gli elevati prezzi delle materie prime significano margini ridotti per l'industria MEM, che dipende fortemente dall'importazione di materie prime. L'industria bellica svizzera è parte integrante di una politica di sicurezza efficace e credibile.

Politica monetaria

I tassi di cambio, in particolare con l'euro e il dollaro, rappresentano un parametro chiave per l'industria MEM, fortemente orientata all'export. Essi incidono notevolmente sulla concorrenzialità dei prezzi delle imprese sui mercati esteri.

 

Soprattutto le rapide e forti variazioni dei tassi di cambio rappresentano una particolare sfida per l'industria d'esportazione. La stabilità dei prezzi e il mantenimento di stabili tassi di cambio si trovano in un contesto conflittuale.

Politica delle materie prime

L'industria MEM dipende in larga misura dall'importazione di materie prime. La forte domanda di materie prime dai paesi BRIC favorisce il rialzo dei prezzi poiché la capacità produttiva, almeno per singole materie prime, è stata incrementata solo moderatamente.

 

Questo andamento dei prezzi viene aggravato dall'oligopolizzazione dal lato dell'offerta (potere di mercato) e dall'introduzione di restrizioni all'export per determinate materie prime estratte solo in pochi paesi (per es. metalli rari in Cina).

 

Si corre il rischio che i margini e la competitività delle imprese MEM si riducano se i maggiori costi degli acquisti non possono essere recuperati. L'efficienza delle risorse e la sostituzione dei metalli rari riducono la dipendenza dalle materie prime dell'industria MEM.

Politica di sicurezza e politica degli armamenti

Secondo la politica degli armamenti del DDPS, l'industria bellica svizzera è parte integrante di una politica di sicurezza efficace e credibile.

 

Le nuove tecnologie della sicurezza sono spesso impiegate non solo in ambito militare ma anche civile. È fondamentale che le imprese svizzere possano partecipare al 100% a operazioni di compensazione nell'acquisto di armamenti da parte della Confederazione nel quadro di una strategia di partecipazione industriale. In tal modo il know-how può rimanere nelle aziende ed essere rinnovato. L'esportazione di armamenti da parte di imprese svizzere deve continuare a essere controllato anche in futuro secondo standard internazionali.

Contatto

Dr. Jean-Philippe Kohl

Direttore a.i.

 

Telefono: +41 44 384 48 15

j.kohlanti spam bot@swissmemanti spam bot.ch

Novità relative al tema

24.09.2018

Iniziative agrarie: il popolo protegge gli accordi internazionali – premonitore per la IAD?

Con il doppio NO alle iniziative agrarie, i votanti hanno respinto chiaramente il maggior...