Pagina di benvenuto Temi Collaboratori anziani
Interlocutore  Kareen Vaisbrot Kareen Vaisbrot
Responsabile del settore «politica padronale»
+41 44 384 42 03 +41 44 384 42 03k.vaisbrotnoSpam@swissmem.ch
Condividere

Collaboratori anziani

Un’importante risorsa in azienda

Le conoscenze e l'esperienza dei lavoratori anziani sono un elemento importante per il successo imprenditoriale. Per garantire che il potenziale dei lavoratori anziani possa essere sfruttato appieno e che possa avvenire con successo il trasferimento delle conoscenze, è necessario adottare misure su vari livelli. Con il Toolbox powerMEM, Swissmem offre assistenza pratica. Il campo d'azione è basato su un totale di quattro pilastri.

Best Practices

Il gruppo di lavoro " Collaboratori anziani nell'industria" ha raccolto diverse buone pratiche dal settore " Collaboratori 50+" e ha sviluppato proposte d'azione per le aziende associate a Swissmem.

Carriera orizzontale

Spesso, i dipendenti più anziani dispongono di un know-how accumulato nel corso di decenni. I team di età mista aiutano ad assicurare il trasferimento delle conoscenze. Inoltre, l'organizzazione del lavoro dovrebbe aprire percorsi di carriera che, in alternativa alle consuete carriere gerarchiche e verticali, consentano anche percorsi di sviluppo orizzontale.

Management della salute

La gestione della salute sul posto di lavoro è uno strumento centrale per mantenere la competitività. Contribuisce in modo determinante a garantire che i dipendenti rimangano sani e produttivi a medio e lungo termine.

Flessibilizzazione LPP

L'impiego di collaboratori anziani dopo il raggiungimento dell'età pensionabile è un potenziale da non sottovalutare nel contrastare alla carenza di lavoratori qualificati. Le aziende possono così colmare l'ammanco di risorse in alcuni settori, mentre ai collaboratori più anziani viene data la possibilità di rimanere attivi nel mondo del lavoro. Per creare gli incentivi necessari sia per i dipendenti più anziani che per i datori di lavoro, non è da ultimo necessario rendere più flessibile la previdenza professionale.

Ultimo aggiornamento: 17.07.2019