Pagina di benvenuto Attualità Industria MEM: numerosi rischi smorzano la gioia per la situazione attualmente…
Interlocutore  Jonas Lang Jonas Lang
Responsabile di settore
+41 44 384 48 33 +41 44 384 48 33 j.langnoSpam@swissmem.ch
Condividere

Industria MEM: numerosi rischi smorzano la gioia per la situazione attualmente buona

L'industria metalmeccanica e elettrica svizzera (industria MEM) è in buona salute. Nel primo trimestre del 2022, le commesse in entrata sono aumentate del +11,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, il fatturato del +12,8% e le esportazioni di beni del +9,2%. Anche la situazione degli utili, difficile negli ultimi anni, si è leggermente allentata. Importanti indicatori segnalano però un'ulteriore crescita. I rischi come l'aumento dei prezzi delle materie prime e dell'energia, il peggioramento dei problemi della catena di approvvigionamento, l'aumento del protezionismo e una possibile ricaduta nelle pandemie formano tuttavia un cocktail tossico che potrebbe calmare in modo significativo la situazione economica. Per il prossimo inverno, vi è inoltre il pericolo di una carenza nella fornitura di gas naturale, fatto che colpirebbe duramente l'industria. La Confederazione deve ora fare tutto il possibile per evitarlo.

[Translate to Italiano:]

Nel corso del primo trimestre del 2022, per l’industria MEM è proseguita la ripresa economica. Rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, il fatturato è aumentato del +12,8%. Nello stesso periodo, rispetto allo scorso anno, le commesse hanno visto uno sviluppo quasi identico, aumentando del +11,9%. Il buon portafoglio ordini ha avuto un impatto anche sull'utilizzo della capacità produttiva delle aziende. Nel primo trimestre del 2022 ha raggiunto il valore molto alto del 91,9%, significativamente superiore alla media calcolata sul lungo periodo dell'86,2%.  

Aumento delle esportazioni verso tutti i principali mercati

Rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente, nel primo trimestre del 2022 le esportazioni di beni dell’industria MEM svizzera sono aumentate del +9,2%, raggiungendo un valore di 17,9 miliardi di franchi svizzeri. La crescita delle esportazioni verso l'Asia è stata particolarmente pronunciata (+11,1%). Anche le esportazioni verso l'UE hanno registrato una forte crescita (+9,8%), mentre la crescita delle esportazioni verso gli Stati Uniti è stata un po' più contenuta (+5,9%). Anche per tutti i principali gruppi di prodotti le esportazioni hanno potuto godere di un aumento. Ad esempio, le esportazioni di metalli sono aumentate del +14,9%, quelle degli strumenti di precisione del +9,4%, quelle di elettrotecnica/elettronica del +7,5% e quelle delle macchine del +6,0%. 

La situazione attuale è incoraggiante ...

A prima vista, per la maggior parte delle aziende del settore MEM la situazione attuale sembra positiva. Solo alcuni sottosettori, come ad esempio i fornitori del settore automobilistico, stanno affrontando gravi problemi. Il volume delle nuove commesse supera di oltre un quarto quello precedente la pandemia. È invece ancora in ritardo lo sviluppo del fatturato. Il fatturato del primo trimestre del 2022 ha superato di soli 4% il livello pre-crisi. I motivi sono da ricercare nei numerosi problemi della catena di approvvigionamento che, sin dalla metà del 2021, hanno ritardato l'elaborazione delle commesse. Nel corso dei prossimi mesi dovrebbe verificarsi un effetto di recupero.

L'anno scorso è migliorata anche la situazione degli utili delle aziende MEM. Per il 2021, il 55% delle aziende ha dichiarato a livello di EBIT un margine tra lo standard industriale e quello molto buono. Rispetto al 2020, questo valore è superiore di 10 punti percentuali. Il numero di aziende che hanno ottenuto un margine inferiore al 5% o addirittura una perdita a livello di EBIT è diminuito di 10 punti percentuali, passando al 45%. 

... molti rischi nelle prospettive

Per quanto riguarda il prossimo futuro, le imprenditrici e gli imprenditori dell’industria MEM sono cautamente positivi. Per i prossimi dodici mesi, il 35% di loro prevede un aumento delle commesse dall'estero e il 47% prevede che l’elevato livello delle commesse rimanga invariato. Il 18% di loro ne prevede un calo, il che significa che, rispetto al quarto trimestre 2021, questa percentuale è aumentata di cinque punti percentuali.

Le conseguenze della guerra in Ucraina e del lockdown in Cina si riflettono solo in misura limitata nei dati del primo trimestre del 2022. Diversi feedback da parte di membri Swissmem mostrano per l'aprile 2022 un quadro più negativo. Durante la pandemia Covid, il settore MEM ha recentemente sperimentato quanto rapidamente possa cambiare il vento. Stefan Brupbacher, direttore di Swissmem, è preoccupato: "I lockdown in Cina e la guerra in Ucraina aggraveranno certamente i problemi di approvvigionamento. Si prevede un'attenuazione della situazione non prima dell'anno prossimo. In combinazione con gli aumenti dei prezzi delle materie prime e dei fattori di produzione, l'accentuarsi del protezionismo e una possibile riacutizzazione della pandemia, si è creato un cocktail tossico che potrebbe ridurre la domanda di beni strumentali e di beni di consumo durevoli già nei prossimi mesi."

Inoltre, desta preoccupazione il pericolo di una spirale salari-prezzi. Grazie ai problemi della catena di fornitura globale, le aziende fornitrici in Svizzera - soprattutto le PMI - sono riuscite ad aggiudicarsi più ordini e a guadagnare punti grazie alla qualità e all'affidabilità nelle consegne. "Se gli aumenti salariali eccessivi innescano una spirale salari-prezzi, per l'industria dei fornitori andrà nuovamente perso il vantaggio di localizzazione", sottolinea Stefan Brupbacher. "L'inflazione in Svizzera è relativamente bassa. Ora per le aziende fornitrici svizzere è importante mantenere aperta l'opportunità di posizionarsi nelle catene di fornitura di nuova formazione."

Prevenire il razionamento del gas

A seconda dell'evoluzione della guerra in Ucraina, il prossimo inverno in Svizzera potrebbe verificarsi una carenza nelle forniture di gas naturale. Se l'approvvigionamento di gas non è garantito al 100%, vi è il rischio che molte aziende industriali si vedano costrette ad interrompere la produzione. Martin Hirzel, presidente di Swissmem, chiede: "Non può esserci un razionamento del gas, in quanto questo minaccerebbe l'esistenza di molte aziende industriali. Il Consiglio federale deve ora fare tutto il possibile per evitare una strozzatura delle forniture". Martin Hirzel ritiene quindi positivo che il Consiglio federale abbia imposto all'industria del gas un'ordinanza urgente volta a garantire le capacità di stoccaggio nei Paesi vicini e le opzioni per ulteriori forniture di gas. Tuttavia, questo non sarà sufficiente. È necessario uno sforzo nazionale per ridurre i consumi. Riducendo ad esempio di due o tre gradi la temperatura degli ambienti negli edifici pubblici, nelle aziende e nelle famiglie, si ridurrebbe del 15-20% il consumo di gas. "Con una campagna, il Consiglio federale deve sensibilizzare tempestivamente l'economia e la popolazione, motivandoli ad adottare misure volontarie per quanto riguarda il consumo di gas", suggerisce Martin Hirzel. "Questo per evitare il razionamento, che metterebbe a rischio le aziende industriali e i loro posti di lavoro.”

Downloads

Fakten-1q2022-i.pdf
Leggere Download
Esportazioni T1 2022 (in francese)
Download
Grafica per la stampa "Fatturato dell’industria MEM" 1 trim. 2022
Entrata ordini industria MEM (Nuova base T4/2019 = 100 (N = 257 aziende). La serie di indici e il tasso di cambiamento per il periodo T4/2019 fino al T1/2021 sono state ricacolate.)
Download

Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Jonas Lang, sost. responsabile della comunicazione
Tel. +41 44 384 48 33
E-mail j.langnoSpam@swissmem.ch

Philippe Cordonier, Responsabile Svizzera romanda
Tel. +41 21 613 35 85 / Mobile +41 79 644 46 77
E-Mail p.cordoniernoSpam@swissmem.ch

È valsa la pena leggere questo articolo?