Pagina di benvenuto Attualità Proseguire a livello politico il negoziato sull’accordo quadro
Interlocutore  Ivo Zimmermann Ivo Zimmermann
Responsabile del settore «comunicazione»
+41 44 384 48 50 +41 44 384 48 50 i.zimmermannnoSpam@swissmem.ch
Condividere

Proseguire a livello politico il negoziato sull’accordo quadro

Swissmem appoggia la petizione accordo quadro "costruttivo, collegiale, consensuale verso un accordo quadro praticabile per entrambe le parti", che chiede di proseguire a livello politico i negoziati sull'accordo quadro. Le aziende associate a Swissmem esportano l'80% dei loro beni e servizi. Di questi, il 56% è destinato al mercato interno dell'UE. L'UE è quindi di gran lunga il principale mercato di vendita. La via bilaterale con l'UE assicura all'industria svizzera l'accesso a questo mercato di vendita e di approvvigionamento. L'accordo quadro creerebbe la base per assicurare e sviluppare ulteriormente la via bilaterale a medio termine.

Da anni, Swissmem si impegna a favore della via bilaterale con l'UE. Dal punto di vista dell'UE, un accordo quadro è una condizione per garantire e sviluppare il percorso bilaterale a medio termine. Di conseguenza, Swissmem ne sostiene la conclusione. Swissmem ha quindi accolto con favore il fatto che il presidente della Confederazione, Guy Parmelin, si sia recato in aprile a Bruxelles per colloqui con la presidente della Commissione UE, Ursula von der Leyen. In questo modo, dopo due anni di stasi, il Consiglio federale nel suo insieme ha finalmente iniziato ad assumere la propria responsabilità politica.

Secondo Swissmem, il fatto che durante questo incontro non sia stata raggiunta una svolta non significa che i negoziati debbano essere interrotti o sospesi. La relazione bilaterale con l'UE è troppo importante. Swissmem chiede che il processo di chiarificazione venga portato avanti con serietà, rapidità e buona volontà. Questo processo deve fondarsi su obiettivi realistici e non deve adottare il massimo delle richieste dei singoli attori. Solo in questo modo è possibile trovare i compromessi necessari con l'UE. Se il processo avrà successo come si spera, l'accordo dovrà poi essere sottoposto al Parlamento e al popolo. La suddetta petizione fa queste richieste, ed è per questo che gode del sostegno di Swissmem.

Swissmem è dell’avviso che per tutti e tre i punti di negoziazione aperti è possibile trovare dei compromessi con l'UE:

  • Direttiva sulla libera circolazione dei cittadini UE (DLCU): Swissmem non considera l'adozione completa della DLCU come un'opzione. Tuttavia, è accettabile che la Svizzera applichi in futuro le regole strettamente legate alla libera circolazione delle persone.
  • Misure di accompagnamento: Swissmem sostiene il principio di "pari retribuzione per pari lavoro nello stesso posto". Il livello di protezione dei salari dovrebbe quindi essere mantenuto. Attualmente, però, i controlli sui lavoratori distaccati dall'estero vengono effettuati con strumenti del secolo scorso, cosa che richiede un periodo di notifica anticipata di otto giorni. Con l'uso di strumenti moderni e digitali, il periodo di registrazione può essere facilmente ridotto e allo stesso tempo può essere migliorata significativamente la lotta contro gli abusi. È dunque possibile un periodo di notifica anticipata di quattro giorni e, secondo l’accordo, sarebbe escluso dallo sviluppo dinamico. Questo esempio mostra: l'accordo quadro non deve fallire a causa delle misure di accompagnamento, perché grazie alla modernizzazione la protezione salariale di oggi sarà mantenuta e addirittura migliorata.
  • Aiuti statali: in merito alla questione degli aiuti di Stato, stando ai media, la Svizzera e l'UE sono già in gran parte in accordo.

Swissmem è fondamentalmente favorevole all'attuale accordo quadro. Per le aziende dell'industria MEM, l'accesso privo di barriere al mercato unico europeo è essenziale. Inoltre, l'industria dipende tanto dai lavoratori transfrontalieri quanto dai risultati della cooperazione europea nel campo della ricerca. Migliaia di preziosi posti di lavoro in Svizzera dipendono dalla via bilaterale. Sarebbe urgentemente necessario un accordo sull'elettricità, in particolare per la stabilità della rete elettrica svizzera e del sistema - e questo non solo per l'industria.

Una volta che saranno disponibili i testi definitivi dell'accordo, il Comitato direttivo e il Comitato di Swissmem prenderanno una posizione definitiva.


Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Ivo Zimmermann, Responsabile Comunicazione
Tel. +41 44 384 48 50 / Mobile +41 79 580 04 84
E-Mail i.zimmermannnoSpam@swissmem.ch

Philippe Cordonier, Responsabile Svizzera romanda
Tel. +41 21 613 35 85 / Mobile +41 79 644 46 77
E-Mail p.cordoniernoSpam@swissmem.ch

Temi associati