Pagina di benvenuto Angolo dei media Comunicazioni dei media Bilaterali III: Swissmem accoglie favorevolmente la decisione per il mandato negoziale

Bilaterali III: Swissmem accoglie favorevolmente la decisione per il mandato negoziale

Dopo i significativi progressi compiuti nei colloqui esplorativi, il Consiglio federale ha approvato oggi il mandato per i negoziati con l'UE. I tempi sono maturi per garantire e sviluppare ulteriormente il percorso bilaterale di successo: Swissmem sostiene il pacchetto di negoziati Bilaterali III. L'associazione dell'industria tecnologica svizzera (industria metalmeccanica ed elettrica, come pure settori tecnologici correlati") esaminerà ora il mandato in dettaglio e si batterà per una rapida soluzione nel corso dei prossimi mesi. A tal fine è prevista a partire da oggi una campagna sia sui social media che online. Per le misure fiancheggiatrici vale quanto segue: Sì all'ottimizzazione delle misure esistenti per mantenere l'attuale protezione dei salari - No a ulteriori interventi.

Martin Hirzel, Presidente di Swissmem, si rallegra: "I tempi sono maturi per i Bilaterali III. Le aziende dell'industria tecnologica hanno ora bisogno rapidamente di certezza giuridica per l'accesso al mercato, il reclutamento di lavoratori qualificati e il programma di ricerca Horizon Europe. Anche un accordo sull'elettricità è a portata di mano. Swissmem sostiene il Consiglio federale con la sua propria campagna". 

Swissmem lancia oggi una campagna sui social media e online a favore dei Bilaterali III: i clip "Tutto necessita di un servizio. Anche i Bilaterali" e ulteriori informazioni sono disponibili su www.bilaterali-3.ch.  

55% delle esportazioni è destinato a Paesi dell’UE 

Con il 55%, il mercato dell'UE è di gran lunga il più importante per l'industria tecnologica. L'erosione del percorso bilaterale sta danneggiando l'industria e i suoi circa 330'000 dipendenti e 20'000 apprendisti. Le aziende dipendono da un accesso praticamente privo di ostacoli all'enorme mercato interno europeo, dall'assunzione di manodopera qualificata e dalla partecipazione a progetti di ricerca e innovazione (tra cui Horizon Europe e Copernicus), nonché da un accordo sull'elettricità che garantisca la sicurezza dell'approvvigionamento e la stabilità della rete. 

Nessun ulteriore intervento nel mercato del lavoro flessibile! 

Con miglioramenti tecnici nell'attuazione delle misure di accompagnamento, l'attuale livello di protezione dei salari può essere garantito e persino ottimizzato grazie alla digitalizzazione. Swissmem rifiuta fermamente interventi aggiuntivi nel mercato del lavoro flessibile, come la facilitazione della dichiarazione di applicabilità generale dei contratti collettivi di lavoro o dei salari minimi nazionali. Non sono necessari e indeboliscono la competitività delle aziende.  

Per ulteriori informazioni contattare: 

Stefan Brupbacher, Direttore
Cell. +41 79 789 13 81
e-Mail s.brupbacher@swissmem.ch

Philippe Cordonier, Responsabile Svizzera romanda
Tel. +41 21 613 35 85 / Cell. +41 79 644 46 77
e-Mail p.cordoniernoSpam@swissmem.ch 

È valsa la pena leggere questo articolo?

Temi associati

Ultimo aggiornamento: 15.12.2023