Pagina di benvenuto Competenze Guerra in Ucraina Affari con la Russia - e adesso?
Interlocutore  Esperti in materia di guerra in Ucraina Esperti in materia di guerra in Ucraina
+41 44 384 41 11 +41 44 384 41 11 ukrainekriegnoSpam@swissmem.ch
Condividere

Affari con la Russia - e adesso?

Le sanzioni della Svizzera contro la Russia limitano in modo massiccio le attività commerciali. Anche se non vi è un embargo completo. Le aziende stesse devono verificare se è ancora possibile l'esportazione, il trasporto e infine il pagamento dei prodotti. In ultima analisi, sorge anche la questione se fare affari con la Russia potrebbe danneggiare la reputazione dell'azienda.

Le sanzioni della Svizzera contro la Russia sono in vigore dal 4 marzo 2022. Hanno effetti di vasta portata sulle attività commerciali con la Russia. Inoltre, le regole sanzionatorie di altri Paesi, quali gli Stati Uniti, il Regno Unito e il Giappone, possono essere rilevanti anche per le aziende svizzere.

Attualmente vi è grande incertezza tra le aziende che mantengono relazioni commerciali con la Russia. Anche se la Svizzera non ha imposto un embargo commerciale globale, l'esportazione di beni e servizi verso la Russia è fortemente limitata. Dal 4 marzo 2022 non possono più essere consegnati in Russia i seguenti prodotti:

  • beni che possono essere utilizzati sia per scopi militari che civili (dual-use). Il divieto di esportazione si applica indipendentemente dall’impiego previsto per le merci o da chi è l'utente finale.
  • beni e tecnologie che potrebbero contribuire al rafforzamento militare e tecnologico della Russia o allo sviluppo del settore della difesa e della sicurezza. In questo contesto, non può essere fornita l'assistenza tecnica, né può essere mediata o resa disponibile l'assistenza finanziaria. Di conseguenza, è vietata la fornitura di servizi di qualsiasi tipo.
  • beni e tecnologie destinati all'industria aerospaziale russa. Non può essere fornita assistenza tecnica, quali riparazioni, manutenzione a distanza, ecc., né può essere organizzato o messo a disposizione un sostegno finanziario.
  • beni e tecnologie che possono essere utilizzati per la raffinazione del petrolio.

Importante da sapere: Tutte le autorizzazioni all'esportazione rilasciate dalla SECO prima del 4 marzo 2022 non sono più valide. Sono necessarie nuove autorizzazioni, che sono valutate secondo la disciplina delle sanzioni e non più sulla base della Legge sul controllo dei beni a duplice impiego.

Cosa deve considerare un esportatore?

  1. Chiunque voglia esportare beni e servizi in Russia deve verificare da solo se un'esportazione è possibile. In particolare, l'azienda deve scorrere attentamente le liste degli allegati dell'"Ordinanza che istituisce provvedimenti in relazione alla situazione in Ucraina" e controllare se nell’elenco il proprio prodotto figura come sanzionato o meno.
  2. L'esportatore deve anche controllare se il cliente russo è sulla lista delle sanzioni. Se questo è il caso, non può essere effettuata alcuna consegna. Sul sito della SECO "Ricerca dei destinatari di sanzioni" è possibile effettuare una ricerca nominativa.
  3. Coloro che intrattengono relazioni commerciali con gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e il Giappone devono anche assicurarsi che una transazione commerciale con la Russia non violi le loro regole sulle sanzioni. Se questo dovesse essere il caso, fare affari con i clienti russi potrebbe avere delle conseguenze.
  4. Infine, se secondo la disciplina delle sanzioni fosse possibile un'esportazione, è necessario organizzare il trasporto delle merci. Questo è un ulteriore ostacolo in quanto molti trasportatori non effettuano più consegne in Russia.
  5. Ultimo ma non meno importante, un'azienda deve garantire la possibilità di pagare la merce consegnata. I flussi finanziari sono attualmente fortemente limitati e molte banche rifiutano per principio le transazioni finanziarie con la Russia.
  6. Infine, fare affari con i clienti russi comporta attualmente un notevole rischio reputazionale. Le immagini orribili sono destinate ad aumentare nelle prossime settimane. Di conseguenza, vi sarà un aumento della pressione mediatica e sociale sulle aziende che possono ancora consegnare alla Russia.

In pochi giorni, la situazione geopolitica è cambiata in modo massiccio ed è possibile che dovremo assistere ad un'ulteriore escalation. È quindi chiaro che le disposizioni sulle sanzioni continueranno a cambiare. La versione attualmente applicabile alla Svizzera è pubblicata sul sito della SECO. Le aziende associate a Swissmem possono rivolgere le loro domande direttamente ai nostri esperti. A tale scopo vogliate utilizzare il seguente indirizzo e-mail: ukrainekrieg@swissmem.ch

È valsa la pena leggere questo articolo?

Vi sono ancora delle domande? Allora prenda contatto con noi.

Fachexpertinnen und Fachexperten zum Ukrainekrieg
+41 44 384 41 11 +41 44 384 41 11 ukrainekrieg@swissmem.ch

Ultimo aggiornamento: 14.03.2022