Pagina di benvenuto Impegno Politica Libero scambio Aiutare il libero scambio alla sua rinascita
Interlocutore  Ivo Zimmermann Ivo Zimmermann
Responsabile del settore «comunicazione»
+41 44 384 48 50 +41 44 384 48 50 i.zimmermannnoSpam@swissmem.ch
Condividere

Aiutare il libero scambio alla sua rinascita

La globalizzazione e il libero scambio hanno ridotto in modo significativo la povertà estrema in tutto il mondo. I conflitti commerciali e il crescente protezionismo minacciano di annullare questo progresso. Anche per la Svizzera, che guadagna un franco su due all'estero, il libero scambio è di estrema importanza.

Questo articolo è apparso in forma leggermente adattata sulla NZZ del 2 febbraio 2021.

Martin Hirzel, presidente Swissmem

Il mondo era sulla buona strada per lasciarsi alle spalle il flagello della povertà. La globalizzazione ne è stata un fattore chiave, che negli ultimi decenni si è intensificata in modo considerevole grazie ai grandi progressi della logistica e delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Anche il libero scambio ne è stato un elemento chiave. Ha facilitato in modo significativo lo scambio internazionale di merci. La rimozione dei dazi doganali e di altri ostacoli al commercio ha permesso alle aziende di espandere i loro processi di produzione oltre i confini nazionali nei Paesi meno sviluppati. Questo ha aumentato la produttività e i redditi in quei Paesi che sono diventati parte integrante delle catene globali del valore.

Il «World Development Report» 2020 della Banca Mondiale conferma che i Paesi meno sviluppati hanno beneficiato molto della moltiplicazione delle reti di produzione globale. Dal 1990, quasi 1,1 miliardi di persone sono sfuggite alla povertà estrema. In molti luoghi si è costituita per la prima volta una classe media. Io stesso sono stato testimone di questa incredibile dinamica durante i miei molti anni vissuti in Asia e in Sud America.

Tuttavia, dopo il 2007 questo sviluppo ha subito un rallentamento. Oltre a un'economia globale più debole, i conflitti commerciali e il crescente protezionismo ostacolano l'ulteriore espansione della globalizzazione. Anche il blocco dell'OMC ha contribuito al suo rallentamento. Inoltre, è aumentata la critica alla globalizzazione, in particolare nelle società occidentali. Anche la recente pandemia da Coronavirus ha messo in evidenza la fragilità delle catene di approvvigionamento globale. Tutto questo mette in discussione la crescita della prosperità degli ultimi decenni. Sussiste il rischio che la povertà aumenti nuovamente.

Non si tratta solo della diminuzione della prosperità e di un impoverimento crescente. È altrettanto significativo il fatto che la perdita di prosperità rende più difficile la protezione dell'ambiente e del clima. In particolare nelle regioni meno sviluppate, vi è una mancanza di fondi per investire in tecnologie per la tutela delle risorse e a basse emissioni. Inoltre, è più verosimile che una recessione economica provochi disordini sociali piuttosto che un comportamento consapevole dal punto di vista ambientale - un fatto che i circoli critici della globalizzazione e quelli orientati ecologicamente in modo indifferenziato spesso non riconoscono.

La paralisi dell'OMC ha creato un ulteriore problema. Rende più difficile far rispettare in tribunale le regole commerciali vigenti a livello internazionale. Questo accresce per gli Stati commerciali il pericolo di una discriminazione motivata dalla politica del potere. Questo colpisce in particolare i piccoli Stati come la Svizzera, che non hanno a disposizione mezzi politici di potere.

È necessaria una rinascita del libero scambio. Per la Svizzera questo è cruciale, perché un franco su due lo guadagna all'estero. Con una quota di esportazione pari all’80%, l'importanza dell'attività di esportazione per l'industria metalmeccanica ed elettrica è ancora più pronunciata che per molti altri settori. Il mercato nazionale è troppo piccolo per garantire la sopravvivenza delle imprese industriali con i loro circa 313.000 posti di lavoro.

È valsa la pena leggere questo articolo?

I nostri servizi relativi a questo tema

Politica

Swissmem riunisce gli interessi delle aziende MEM nel processo politico. L'attenzione si concentra…

Maggiori informazioni

Ultimo aggiornamento: 03.06.2021, Martin Hirzel, Präsident Swissmem