Europa.png

Bilaterali III

Pagina di benvenuto Impegno Politica Bilaterali III

Swissmem sostiene i Bilaterali III

L'erosione dell'accesso al mercato e l'incertezza sul futuro delle relazioni con l'Unione Europea (UE) sono dannosi per l'industria tecnologica svizzera (industria MEM e settori tecnologici correlati). Il mercato europeo è di gran lunga il più importante per l'industria, che impiega circa 330’000 persone ed esporta più del 55% della sua produzione. Le aziende dipendono anche dall'assunzione di manodopera qualificata e dalla partecipazione a progetti di ricerca e innovazione. Anche un accordo sull'elettricità assume un ruolo fondamentale. Swissmem è quindi favorevole a garantire la via bilaterale.

È giunto il momento di avviare le trattative sugli Accordi Bilaterali III: oltre due terzi degli elettori sono favorevoli a un mandato negoziale per sviluppare il percorso bilaterale con l'UE. E più del 70% approva il contenuto del pacchetto Bilaterali III. Questi sono i risultati di un nuovo sondaggio rappresentativo condotto da gfs.bern per conto di economiesuisse, dell'Unione svizzera degli imprenditori (USI), di Interpharma, dell'Associazione svizzera dei banchieri (ASB) e di Swissmem.

Siete curiosi? Per saperne di più sul sondaggio, cliccate qui (in tedesco)

Scoprite nella nostra serie di filmati video, perché gli accordi bilaterali hanno finalmente bisogno di un aggiornamento:

Per la Svizzera, l'approccio bilaterale è una storia di successo: le assicura un accesso privilegiato all'enorme mercato interno europeo e al tempo stesso le garantisce la massima indipendenza possibile. Dalla firma degli accordi bilaterali nel 1999, le aziende svizzere ne hanno tratto beneficio e il nostro Paese ha aumentato la sua prosperità.

Sviluppo economico positivo - per le aziende e la popolazione

Lo sviluppo positivo della nostra piazza economica, con la sua forte economia di esportazione, offre alla popolazione posti di lavoro sicuri e salari in crescita. Anche la Svizzera ha tratto grandi benefici dalla cooperazione in numerosi settori, come la ricerca e l'innovazione o la sicurezza delle frontiere.

Swissmem è favorevole a che la Svizzera assicuri e sviluppi ulteriormente questo percorso. Questo è reso possibile dal pacchetto di accordi "Bilaterali III". Durante i due anni di discussioni esplorative e tecniche, sono state chiarite molte questioni e sono state definite soluzioni favorevoli per il nostro Paese. Si tratta ora di avviare rapidamente i negoziati e di portarli a termine con successo: è necessario riuscire a concludere un trattato nel corso del 2024, prima dell'insediamento della nuova Commissione europea.  

Nessuna misura di accompagnamento aggiuntiva

I colloqui esplorativi hanno portato a significativi miglioramenti nell'ambito della protezione dei salari: con la salvaguardia delle peculiarità del sistema di controllo svizzero in base al diritto internazionale e una clausola di non regressione. Quest'ultima garantisce che il livello di protezione della Svizzera contro il dumping salariale non sarà abbassato da nuovi regolamenti dell'UE o dalla Corte di giustizia europea. In combinazione con i miglioramenti tecnici nell'attuazione delle misure di accompagnamento, l'attuale livello di protezione dei salari può quindi essere garantito e persino ottimizzato grazie alla digitalizzazione. Swissmem offre un aiuto. Swissmem rifiuta fermamente interventi aggiuntivi e non necessari nel mercato del lavoro flessibile, come l'alleggerimento dell'applicabilità generale dei contratti collettivi di lavoro e l'ulteriore deterioramento delle condizioni quadro.

Alimentazione sicura grazie all'accordo con l'UE

I "Bilaterali III" prevedono anche la conclusione di nuovi accordi, in particolare nel settore dell'elettricità. Questo aspetto è di grande importanza per la Svizzera: a partire dal 2026, gli Stati membri dell'UE dovranno riservare il 70% della loro capacità di rete agli scambi tra i Paesi dell'Unione. Con questo sarà più difficile e più costoso garantire un approvvigionamento elettrico sicuro in Svizzera, soprattutto in inverno - un rischio importante per le aziende dell'industria tecnologica svizzera. Possiamo evitarlo raggiungendo un accordo con l'UE.

Con la conclusione degli "Accordi bilaterali III", la Svizzera può continuare a...

  • ...partecipare alla rete europea in qualità di Paese forte e aperto.
  • ...garantire un accesso quasi privo di barriere al mercato europeo.
  • ... reclutare, se necessario e senza particolari difficoltà amministrative gli specialisti mancanti per compiti importanti da tutta Europa.
  • ... coinvolgere nuovamente appieno le proprie università e aziende nei progetti di ricerca e innovazione.
  • ... garantire l'attuale livello di protezione dei salari e ottimizzarne l'applicazione.

È valsa la pena leggere questo articolo?

Questi articoli possono essere di vostro interesse

Ultimo aggiornamento: 14.12.2023