Pagina di benvenuto Attualità Industrie MEM: forte domanda - maggiore incertezza
Interlocutore  Ivo Zimmermann Ivo Zimmermann
Responsabile del settore «comunicazione»
+41 44 384 48 50 +41 44 384 48 50 i.zimmermannnoSpam@swissmem.ch
Condividere

Industrie MEM: forte domanda - maggiore incertezza

Nel corso dei primi nove mesi dell’anno, la grande maggioranza delle imprese dell'industria metalmeccanica e elettrica svizzera (industria MEM) ha beneficiato della forte ripresa dell'economia mondiale. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, le nuove commesse sono aumentate del 30,6%, il fatturato del 10,5% e le esportazioni del 14,9%. Gli imprenditori e le imprenditrici del settore continuano a valutare fondamentalmente positive le prospettive per i prossimi dodici mesi. Tuttavia, i rischi sono evidenti nell'aumento dei prezzi delle materie prime e dell'energia, nelle difficoltà di approvvigionamento, nei tassi di cambio e nel continuo ed elevato rischio di conflitti commerciali. Anche lo sviluppo della pandemia rimane incerto. Questi fattori indeboliscono i margini di profitto e quindi la possibilità di investire nell’innovazione e nella digitalizzazione. Nel peggiore dei casi, potrebbero compromettere la ripresa.

Entrata ordini industria MEM (Nuova base T4/2019 = 100 (N = 257 aziende). La serie di indici e il tasso di cambiamento per il periodo T4/2019 fino al T1/2021 sono state ricacolate.)

Nel corso dei primi nove mesi dell’anno, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, le nuove commesse per l’industria MEM svizzera sono aumentate del 30,6%. Riferito al solo terzo trimestre, l'aumento rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente è stato del 44,2%. Questa notevole impennata include un forte effetto base, in quanto le perdite di commesse nell'anno pandemico 2020 si sono rivelate gravi. Il quadro è simile per il fatturato. Nel periodo che va da gennaio a settembre 2021, il fatturato è aumentato del 10,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Nel terzo trimestre del 2021, l’incremento è stato del 13,1%. Le PMI e le grandi imprese hanno potuto beneficiare di questa ripresa in misura equivalente.

Per l’industria MEM è tipico che il fatturato reagisca con ritardo allo sviluppo delle commesse in entrata. Le difficoltà di approvvigionamento che esistono da mesi e le difficoltà nelle consegne dovute alla pandemia sono probabilmente le ragioni per cui questo ritardo è attualmente più accentuato.

Per le aziende, l'andamento generalmente positivo degli affari ha avuto anche un impatto sull'utilizzo delle capacità. Nel terzo trimestre del 2021 era dell'87,2%, superando la media sul lungo termine dell'86,1%. Secondo l'ultimo sondaggio KOF, nel corso del mese di ottobre 2021 è salito all'89,8%.

Esportazioni in aumento per tutti i gruppi di prodotti e in tutte le regioni di vendita

Secondo ai dati dell'Amministrazione federale delle dogane, nei primi nove mesi del 2021 rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, le esportazioni di beni dell’industria MEM sono aumentate del 14,9%. Hanno raggiunto un valore delle merci pari a 50,5 miliardi di franchi. Tutti i principali mercati di vendita hanno visto uno sviluppo positivo. Le esportazioni verso l'UE sono aumentate del 19,3%, verso gli USA dell'11,8% e verso l'Asia dell'8,9%.

Riferito ai primi nove mesi, anche tutti i gruppi di prodotti hanno registrato una crescita delle esportazioni. Le esportazioni di metalli sono aumentate del 24,0%, di strumenti di precisione del 12,9%, di elettrotecnica/elettronica del 12,0% e di macchine del 10,4%. Nel terzo trimestre del 2021, tuttavia, i problemi di approvvigionamento di semiconduttori hanno avuto un impatto sui fornitori svizzeri all’industria delle automobili. Le loro esportazioni di parti e accessori sono scese dell'11,1%.

L'aumento dei prezzi delle materie prime e l'alto tasso di cambio del franco pesano sui margini

Nel corso dei primi nove mesi dell’anno, la grande maggioranza delle aziende dell'industria MEM svizzera ha beneficiato della forte ripresa dell'economia globale. Le commesse in entrata si situano ora ben al di sopra del livello pre-crisi e il fatturato è di poco al di sotto. Per quanto attiene le prospettive per il futuro, le imprese sono quindi fondamentalmente positive. Secondo l'ultimo sondaggio Swissmem, la metà (49%) si aspetta che nei prossimi dodici mesi le commesse provenienti dall'estero rimangano stabili. Un ulteriore 36% si aspetta addirittura un continuo aumento delle commesse. Solo un 15% ne prevede invece un calo.

Tuttavia, il recente rapido apprezzamento del franco svizzero rispetto all'euro sta mettendo sotto pressione i margini già di per sé bassi. Lo stesso vale per l’aumento dei prezzi delle materie prime e dell'energia, nella misura in cui questi non possono essere riversati ai clienti. Sono inoltre ancora persistenti le difficoltà d’approvvigionamento nell'area dei semiconduttori, dei metalli e dei prodotti metallici e dei prodotti semilavorati. C'è dunque il pericolo che, nonostante una forte ripresa, molte aziende non siano in grado di recuperare le perdite subite negli ultimi anni.

Per l’elettricità sono necessari prezzi competitivi

Esportando le proprie tecnologie ad alta efficienza energetica, l’industria MEM svizzera può dare il massimo contributo a livello mondiale se la piazza Svizzera può disporre di un ambiente competitivo a livello internazionale. Questo non deve essere messo in pericolo dalle prossime importanti decisioni sulla politica energetica. Per Swissmem il nuovo supplemento rete di 0,2 centesimi/kWh previsto nel cosiddetto "atto mantello" rappresenta l'inizio di una futura produzione elettrica svizzera orientata all'autosufficienza. Sul medio termine questo sviluppo porterà a un massiccio aumento dei prezzi dell'elettricità, mettendo così in pericolo la piazza produttiva locale e le sue opportunità di esportazione. Per garantire la sicurezza dell'approvvigionamento, la futura politica energetica deve invece essere orientata verso la neutralità tecnologica, i prezzi competitivi dell'elettricità, la completa liberalizzazione del mercato dell'elettricità e l'integrazione della Svizzera nella rete elettrica europea.

Downloads

Foglio dei fatti 3 trim. 2021
Leggere Download
Esportazioni T3 2021 (in francese)
Download
Grafica per la stampa "Fatturato dell’industria MEM" 3 trim. 2021
Entrata ordini industria MEM (Nuova base T4/2019 = 100 (N = 257 aziende). La serie di indici e il tasso di cambiamento per il periodo T4/2019 fino al T1/2021 sono state ricacolate.)
Download

Per ulteriori informazioni, si prega di contattare:

Ivo Zimmermann, responsabile della comunicazione
Telefono +41 44 384 48 50 / Cellulare +41 79 580 04 84
E-mail i.zimmermannnoSpam@swissmem.ch

Philippe Cordonier, responsabile per la Svizzera romanda
Telefono +41 21 613 35 85 / Cellulare +41 79 644 46 77
E-mail p.cordoniernoSpam@swissmem.ch

 

 

È valsa la pena leggere questo articolo?

Temi associati

Articoli correlati